Home > Radici Future Magazine > “Pensare da giornalisti”, un corso per la scuola primaria


“Pensare da giornalisti”, un corso per la scuola primaria

10 Nov 2023 - 2023, Legalitria, News

“Pensare da giornalisti”, un corso per la scuola primaria

DI Ilenia di Summa


Radici Future Produzioni – Legalitria ha elaborato una nuova proposta formativa destinata agli alunni della classe 5^ della Scuola Primaria, dal titolo: “Un tuffo nel giornale”. Si tratta di un corso di giornalismo “adattato” alla fascia d’età dell’utenza, ma che non rinuncia al rigore metodologico, con l’obiettivo di fornire ai ragazzi i primi strumenti, indispensabili ad affrontare un mondo sempre più rapido e imprevedibile, dominato dalle nuove tecnologie e dai social media. “Pensare da giornalisti aiuta i ragazzi a diventare cittadini responsabili, in grado di interagire attivamente in differenti contesti, nei quali il massiccio utilizzo delle nuove tecnologie impone abilità strumentali, ma soprattutto concettuali; – spiega Gianni Svaldi, giornalista, vice presidente di RFP- Legalitria – l’obiettivo è, pertanto, quello di fornire ai ragazzi gli strumenti per affrontare un mondo dominato dai social media, dalla realtà virtuale, dall’intelligenza artificiale ”. In considerazione della fascia d’età dei destinatari, questa proposta formativa rappresenta un primo approccio alla conoscenza del linguaggio giornalistico, finalizzato alla graduale comprensione degli strumenti comunicativi che caratterizzano la vita di tutti i giorni. Le abilità che un cronista mette in campo in una inchiesta o un reportage: la ricerca e la verifica delle fonti, materiali e/o virtuali, il lavoro di gruppo, la creatività, il pensiero critico, nel XXI secolo sono prerogative che servono a tutti, in modo particolare ai ragazzi, nativi digitali, che sono i più vulnerabili. Dotati sempre più spesso di abilità pratiche per avventurarsi nel web, non sono in possesso di quelle necessarie a verificare le fonti, “smontare” un fatto, trovarne il contesto e lo scopo, non fidarsi del “troppo bello” o del “troppo facile e vantaggioso”. Ne consegue la necessità di promuovere una cultura della verità e della responsabilità nella comunicazione digitale.
Un team di professionisti dell’informazione, della comunicazione e della didattica si soffermerà sugli strumenti, le tecniche e le strategie del giornalismo: l’organizzazione del lavoro del giornalista, la verifica della fonte, l’intervista, i linguaggi dei social, dei giornali e della TV. Coerentemente con quelle che sono le istanze di una società sempre più complessa, dominata dalle tecnologie digitali, il progetto andrà a sviluppare le abilità necessarie per affrontare la realtà in modo sempre più critico e consapevole. In particolare, si vogliono fornire ai partecipanti le competenze necessarie per analizzare le informazioni, lavorare in gruppo, utilizzare le tecnologie e comunicare in modo efficace, attraverso il potenziamento della lettura, della scrittura e delle altre forme di espressione. Il progetto prevede l’utilizzo di un approccio pratico e partecipativo, in linea con il metodo del “learning by doing”: i partecipanti, infatti, guidati dal team di esperti, prenderanno confidenza con i quotidiani e saranno coinvolti in attività di ricerca, di analisi delle informazioni e di scrittura.
Alcune delle attività previste nell’ambito della proposta qui descritta derivano dallo sviluppo dell’esperienza che ha avuto inizio negli anni passati e che ha messo a valore il circuito Legalitria e le competenze di divulgazione del pensiero giornalistico dei giornalisti e collaboratori di RF Magazine. Il feedback fornito dai ragazzi fu estremamente positivo: curiosità, interesse crescente e partecipazione attiva.

Per informazioni: direttore.magazine@radicifuture.it

Tag:, , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *