Home > Radici Future Magazine > Lo sviluppo è bellezza: a Brindisi l’evento annuale cultura e sviluppo del PON


Lo sviluppo è bellezza: a Brindisi l’evento annuale cultura e sviluppo del PON

30 Gen 2023 - 2023, News

Lo sviluppo è bellezza: a Brindisi l’evento annuale cultura e sviluppo del PON

DI Ilenia di Summa

Cultura, innovazione e coesione sociale al centro della due giorni, 25 e 26 gennaio 2023, svoltasi nel Forte a Mare di Brindisi che ha ospitato l’evento annuale del Ministero della Cultura durante il quale si è fatto il punto sullo stato di attuazione del Piano Operativo Nazionale (PON) Cultura e Sviluppo, inserito nella progettazione “La valorizzazione del patrimonio culturale: dalla programmazione FESR 2014-2020 al 2021-2027”.

Il nostro è l’unico paese dell’Unione ad avere un programma interamente dedicato alla cultura e allo sviluppo gestito dal Ministero della Cultura che ha avuto in dotazione un fondo pari a circa 500 milioni di euro dei quali in Puglia sono stati destinati 70 milioni di euro divisi in 28 interventi.

“Lo sviluppo è bellezza” questo il titolo dell’iniziativa che sintetizza lo spirito dei lavori ed è organizzata in collaborazione al Segretariato regionale del Ministero della Cultura per la Puglia. L’evento si configura come un fondamentale momento di informazione circa le iniziative poste in essere grazie ai fondi PON e ai risultati conseguiti, nell’ambito del programma di “Valorizzazione degli Attrattori Culturali delle Regioni del Mezzogiorno: Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia”. Nello specifico, si è parlato dell’intervento di restauro del Forte a Mare di Brindisi, reso possibile grazie anche agli sforzi congiunti dell’Amministrazione centrale, del Segretariato Regionale del MiC per la Puglia e della Soprintendenza ABAP per le province di Brindisi e Lecce, che hanno cofinanziato il progetto, apportando, in tal modo, evidenti benefici alla comunità locale e alla filiera turistica.

Cultura, innovazione e coesione sociale sono i pilastri su cui si fonda il PON “Cultura e Sviluppo”, strumento con il quale l’Italia recepisce la normativa Ue in materia.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *