Home > Radici Future Magazine > La TV tradizionale cede il passo alla TV in streaming


La TV tradizionale cede il passo alla TV in streaming

3 Giu 2022 - 2022, News

La TV tradizionale cede il passo alla TV in streaming

Di Ilenia di Summa

La Nielsen, società di ricerca di livello mondiale che definisce gli standard di mercato nella misurazione delle abitudini di spettatori e consumatori, ha comunicato alcuni dati interessanti: fra maggio 2021 e maggio 2022, l’utilizzo dello streaming è aumentato, in Italia, di oltre il 21%.

Fra gli effetti dell’onda lunga dovuti alla pandemia e alle pesanti restrizioni a essa connesse, si è registrato un cambiamento significativo delle abitudini nell’uso della televisione: la TV tradizionale e il digitale terrestre arretrano sempre di più, mentre si fa largo lo streaming.

La TV in streaming, ovvero la trasmissione di contenuti televisivi via Internet su qualsiasi dispositivo, è oggi, infatti, la forma di fruizione di programmi TV più vista in Italia e nei Paesi della UE5. Lo conferma un nuovo studio di Magnite, dal titolo “Streaming TV’s New Era: How Ads Are Powering Streaming’s Future in the EU5”.

La ricerca analizza gli atteggiamenti e le abitudini di fruizione di programmi televisivi da parte dei consumatori e rileva che le scelte dell’utenza stanno rimodellando il panorama dello streaming. Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un susseguirsi di novità nelle abitudini di consumo dei contenuti televisivi e video, indipendentemente che essi siano film, programmi o eventi sportivi. Nuove modalità di fruizione che hanno portato la TV tradizionale a non essere più (non per tutti) la prima scelta in fatto di contenuti.

Secondo la ricerca, il 72% degli italiani ha guardato contenuti in streaming nell’ultimo anno, percentuale che sale all’85% nella fascia di età 18-34 anni; non sorprende che siano proprio i più giovani a fruire dello streaming non solo dalla TV, ma attraverso l’utilizzo di altri devices.

Mariano De Luca, Seller Lead Italy, Spain & MENA di Magnite ha affermato: “L’Italia è stata considerata in ritardo rispetto al resto dell’UE5 nell’adozione della TV in streaming, ma questi dati dimostrano che questa percezione è cambiata, poiché lo streaming è ormai diventato la forma di TV scelta dalla maggior parte dell’audience italiana”.

Quella che gli Italiani vogliono, pertanto, è una televisione di qualità, capace di navigare veloce fra web e piattaforme streaming, per offrire immediatezza e libertà di scelta tra generi e contenuti.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *