Home > Radici Future Magazine > Giorgia Meloni prima donna alla guida di Palazzo Chigi


Giorgia Meloni prima donna alla guida di Palazzo Chigi

24 Ott 2022 - 2022, News

Giorgia Meloni prima donna alla guida di Palazzo Chigi

DI Ilenia di Summa

Prima di lei, a ricoprire alte cariche istituzionali in Italia, ci sono state Nilde Iotti, Irene Pivetti e Laura Boldrini alla presidenza della Camera e, più recentemente, Maria Elisabetta Alberti Casellati, presidente del Senato, adesso la prima donna presidente del Consiglio dei Ministri è Giorgia Meloni.

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha conferito all’onorevole 45enne l’incarico di formare il 67^ Governo, lo scorso 21 ottobre 2022, interrompendo la lunghissima tradizione di uomini alla guida del Governo: è il caso di sottolineare che l’Italia era tra i nove Paesi Europei a non aver mai avuto una donna alla Presidenza del Consiglio.

Per il nostro Paese, la presenza di una donna come inquilina di Palazzo Chigi determina un significativo passo avanti verso l’abbattimento delle barriere culturali, che spesso ostacolano l’ascesa al potere delle donne. Le leadership femminili, malgrado alcune importanti eccezioni, collocate nei diversi settori, sono ancora molto ridotte; mentre si celebra l’arrivo di una donna alla guida del governo, bisogna anche segnalare un calo delle donne in Parlamento, oggi presenti solo in percentuale del 31%.

Non va meglio nel campo industriale, dove l’Italia occupa il 14^ posto in Europa per la parità di genere circa l’imprenditoria femminile. Per superare il gender gap e innescare necessari e urgenti meccanismi di cambiamento è entrata in vigore la “certificazione della parità di genere”, un’importante normativa inserita nel PNRR, dalla quale si attendono importanti risultati.
Un quadro in chiaroscuro, dunque, che da un lato delinea un percorso virtuoso già in atto, e dall’altro mette in evidenza la lunghissima strada che resta da fare.

foto: governo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *