Home > Radici Future Magazine > Ambulatorio solidale: e gli ultimi sono un po’ meno ultimi


Ambulatorio solidale: e gli ultimi sono un po’ meno ultimi

28 Nov 2023 - 2023, News

Ambulatorio solidale: e gli ultimi sono un po’ meno ultimi

DI Ilenia di Summa

Sebbene quello alla salute sia un diritto fondamentale del cittadino, sancito dalla Costituzione (art 32) che garantisce cure gratuite agli indigenti, riuscire a effettuare visite specialistiche ed esami diagnostici, usufruendo del Servizio sanitario nazionale è sempre più complesso.

I dati resi noti in estate da Cittadinanzattiva ci danno un quadro piuttosto critico della situazione: a Bari, ad esempio, vengono effettuate solo il 9,4% delle visite ginecologiche con priorità B (Breve entro 10 giorni) e il 14,4% delle ecografie complete all’addome mentre a Lecce nessuna visita pneumologica con priorità D (Differibile) è garantita entro i 30 giorni previsti.

Questo è un problema che riguarda tutti ma che incide in modo diverso su ciascuno perché, se da un lato la fascia più abbiente della popolazione può rivolgersi ai privati, chi è povero è costretto ad attendere mesi, anche visite mediche con priorità, con il risultato, più che concreto, che la malattia venga diagnosticata e curata quando già in uno stadio avanzato.

Per provare a fornire un aiuto reale alle persone indigenti, da maggio 2023 a Martina Franca, è nato “Ambulatorio Solidale” un servizio volto a tutti i cittadini che si trovano in situazioni di necessità: un team di medici volontari offre prestazioni sanitarie riguardanti vari settori a titolo totalmente gratuito.
Basta presentare la richiesta del proprio medico curante o dell’ASL e inviare una mail a solidaleambulatorio@gmail.com.
Requisiti necessari per accedere alle prestazioni dell’Ambulatorio Solidale sono l’aver avuto dal CUP un lungo rinvio e avere un ISEE sotto gli 8000 euro.

L’iniziativa, che non sostituisce il sistema pubblico ma lo integra, mette a disposizione specialisti in: psicologia, oculistica, dietologia, cardiologia, pneumologia, gastroenterologia, dermatologia, ortopedia, odontoiatria, otorinolaringoiatria e ginecologia.
Un esempio di solidarietà e generosità da parte dei professionisti che hanno deciso di mettere a disposizione la loro competenza e il loro tempo per chi ha più bisogno e che oggi chiedono l’aiuto e il sostegno di tutti.

L’associazione organizza per giovedì 30 Novembre una raccolta fondi necessari all’acquisto di un ecografo che sarà utilizzato dai medici dell’Ambulatorio Solidale per diagnosi più veloci e accurate.
L’incontro, patrocinato dal comune di Martina Franca, si terrà alle ore 17 nella sala degli Uccelli di Palazzo Ducale e vedrà gli interventi di:
Nunzia Convertini (vice sindaco di Martina Franca), Carlo Dilonardo (assessore alle attività culturali del comune di Martina Franca), Piero Marinó, Antonio Scialpi e Lucio Montanaro.
Per l’occasione l’artista Igli Arapi ha donato una sua opera.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *